Regione vinicola

Secondo lo storico Weingartner, il vigneto circostante era in origine marcato da quattro piccole torrette rotonde, mentre nella cronaca locale di Atz e Schatz si fa cenno anche a una cappella del castello. La prima testimonianza grafica, un’incisione su rame datata 1645 che raffigura Merano, mostra una grande torre affiancata da un’ala abitabile con la scritta “Rundeck”.

Nel 1621 Christoph Maminger cedette la residenza al nobiluomo dei Grigioni Jakob von Mohr. L’arciduca Leopoldo conferì il 3 marzo 1625 a von Mohr tutti i diritti e le libertà di una residenza nobiliare per Rundegg e il permesso di portare il nome della stessa. Il nobile a quell’epoca era tuttavia vescovo di Strasburgo e Passau.

<p>Regione vinicola</p>